Trasformare un joypad SNES in un controller USB per PC

Modifichiamo un joypad orginale del Super Nintendo e colleghiamolo via USB al PC o al Raspberry Pi. In un precedente articolo del 2008 (!) mostravo come collegare il controller SNES alla porta parallela, ormai superata. In questo post mostrerò invece come adattarlo alla porta USB ed utilizzarlo con gli emulatori più famosi (NES, SNES, Sega MegaDrive, Sega Master System, Atari etc..).

Questo è il joypad in questione:

SONY DSC

Sto parlando ovviamente del controller originale, quello in dotazione con la console stessa. Joypad di pregevole fattura, assolutamente indistruttibile e che funziona ancora al 100% dopo 20 anni! Il connettore è ahimè proprietario, ne DB9 ne ovviamente USB (lo standard USB sarebbe stato introdotto solo anni più tardi):
snes_connectorAnche il protocollo e i segnali sono proprietari e per “trasformarli” in USB occorre un apposito circuito convertitore. Questo circuito è sufficientemente piccolo da poter essere installato all’interno del controller stesso.

Circuito convertitore

Il convertitore può essere acquistato su RetroUSB. Si tratta di un microcontroller PIC miniaturizzato (formato TSOP) che converte i segnali generati dal controller in segnali USB

Screen Shot 2017-02-19 at 16.58.05

Il kit, chiamato NES/SNES RetroKit, trasforma quindi il controller in un joypad USB a tutti gli effetti. La compatibilità è garantita, il joypad risulterà al PC come un normale controller HID a 12 pulsanti e non sarà necessario installare alcun driver, ne su PC ne su Raspberry Pi (RetroPie).

Ecco come si presenta il convertitore:

retrousb_cable

pic_closeup

Installazione

L’installazione è abbastanza semplice. Apriamo il controller svitando le 5 viti posteriori:

joypad_aperto

A questo punto tagliamo via il cavo originale, spelliamo i 5 fili e bagniamo con stagno le estremità:

fili_tagliati

Per un un lavoro più pulito si potrebbe dissaldare il ricettacolo bianco e quindi “salvare” l’intero cavo originale, a voi la scelta! I 5 fili (marrone, bianco, giallo, rosso e arancio) vanno collegati sulle piazzole del convertitore, seguendo lo schema che il sito mette a disposizione:

sneskit

Lo schema non è chiarissimo, ma in sostanza si tratta di saldare i fili marrone e bianco rispettivamente sulle piazzole 2 e 3 del lato anteriore del convertitore, e di saldare i fili arancio, giallo e rosso rispettivamente alle piazzole 2,3 e 4 presenti nel lato opposto. Il risultato è mostrato qui sotto:

pic_collegato

A questo punto non ci resta che incollare il convertitore al PCB del joypad in modo tale che resti ben fermo e le saldature non si  indeboliscano:

pic_incollato

Basta ora richiudere il joypad assicurandosi che il convertitore non blocchi la chiusura in alcun modo, dovrebbe tranquillamente stare in posizione senza problemi:

joypad_usb_finale

Utilizzo

Il joypad è pronto per essere utilizzato! Non servono driver o altri software particolari perchè il convertitore interfaccia il controller come una periferica HID (Human Interface Device); tali periferiche sono previste dallo standard USB stesso e non richiedono driver per funzionare. Questo joypad USB è particolarmente adatto su RaspberryPi e RetroPie, tutti gli emulatori lo supportano correttamente

joypad_in_azione_dkc

Ovviamente non tutti gli emulatori supportano 12 tasti (l’Atari 2600 soltanto 1 bottone e 4 direzioni) ma nessun problema, i tasti superflui verranno esclusi e non avranno effetto.

Posted in Hardware, Tutorial and tagged , .
Gianluca

Gianluca

Leave a Reply

avatar
wpDiscuz